Radio24 | Il Sole 24 ORE

Il ritorno di Silvio Berlusconi – Le inchieste di Daniele Biacchessi

Il ritorno di Silvio Berlusconi


Le inchieste di Daniele Biacchessi


Silvio Berlusconi si è fatto sentire, dopo alcuni mesi di silenzio imposto dai tribunali e dal suo affidamento ai servizi sociali.
Il vecchio leader è tornato in campo e ha scelto la semantica della piazza.
Sabato 29 novembre si è visto in piazza San Fedele a Milano per il primo appuntamento del “no tax day”.
Ha detto che siamo già in campagna elettorale, che non si sa se le elezioni si terranno in primavera con il Consultellum, o dopo con l’Italicum, che siamo in una democrazia che non è totale. Ha attaccato quello che definisce il “Governo dei maghi, quello dei record delle promesse e di più tasse per gli italiani”.Ha annunciato che intende avviare una selezione per nuovi volti Azzurri da mandare in video.
In sostanza ha. come si dice, fatto capire chi ancora comanda nel centrodestra, avvisando Matteo Salvini che le guerre si vincono con le lance dei giovani e l’esperienza dei vecchi.
Ma qual’è l’obiettivo di Berlusconi?
Lui sa che l’ora del ricambio al Quirinale si avvicina e che, con ogni probabilità, Giorgio Napolitano lascerà  il suo ruolo di Capo dello Stato ad un’altra figura ancor tutta da ricercare.
E sa anche che il tempo dell’affidamento ai servizi sociali sta per scadere, e a breve potrebbe tornare libero di muoversi politicamente come un tempo.
Non mette in discussione il Patto del Nazareno, ma tenta di ricompattare Forza Italia, offuscata dalla Lega.
Nell’ultimo sondaggio di Pagnoncelli, cala la fiducia di Renzi, sale quella per Salvini e gli elettori di Forza Italia continuano a sostenere in massa Berlusconi, il cui gradimento risulta bel al di sopra di quello di Alfano, Vendola e Grillo, la cui leadership non è messa in discussione da nessun Raffaele Fitto o altro oppositore.