Radio24 | Il Sole 24 ORE

Le nuove indagini sulla morte di Stefano Cucchi – Le inchieste di Daniele Biacchessi

Le nuove indagini sulla morte di Stefano Cucchi


Le inchieste di Daniele Biacchessi


E’ vero, le sentenze dei giudici si rispettano, ma le indagini su un omicidio possono sempre essere riaperte in caso di nuovi indizi e prove, come previsto dal codice di procedura penale.
Da qui è partito il ragionamento del Procuratore Capo della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone.
Lui è un magistrato preparato, uno che ha sfidato la ‘ndrangheta a Reggio Calabria e sta colpendo la criminalità organizzata nella Capitale.
Ed è indignato per la sentenza di secondo grado con cui gli imputati per l’omicidio di Stefano Cucchi, tutti uomini dello Stato, sono stati assolti per insufficienza di prove.
Da dove ripartire con le indagini?
La negligenza più grave sarebbe stata commessa durante l’autopsia.
Nel primo esame necroscopico sarebbe stato compiuto l’errore più grave che ha poi condizionato l’esito delle indagini e del processo, cioè il mancato espianto del cuore di Cucchi.
In seconda battuta bisognerebbe realizzare nuove perizie e consulenze, azzerandole, suggerisce la parte civile.
Le sentenze hanno stabilito senza ombra di dubbio che Cucchi è stato picchiato, ma non dove e da chi.
Quindi le nuove inchieste della magistratura romana dovrebbero trovare l’esatto nesso di causalità tra le botte che Cucchi ha ricevuto dopo l’arresto e le persone fisiche che hanno provocato il decesso del ragazzo.
Pignatone sentirà la famiglia Cucchi, i suoi legali, dovrà procedere ad una nuova serie di audizioni, ma il suo percorso sembra stretto.
Se è vero che la morte di Stefano Cucchi non è ancora una verità giudiziaria immodificabile perché manca la sentenza della Cassazione, è altrettanto vero che la Costituzione impedisce che un imputato possa essere giudicato due volte per lo stesso fatto.
Quindi bisognerà cercare fatti nuovi, magari considerando i rilievi della parte civile come una risorsa, non come un ostacolo alla ricerca della verità.