Radio24 | Il Sole 24 ORE

Pompei, il crollo della vergogna a “Italia in controluce”.

Italia in controluce – 16 novembre ore 13,30

Reportage di Raffaella Calandra tra i decumani dell’antica urbe.

Una voragine, dietro la casa della Venera in conchiglia; l’intonaco caduto nella domus del Citarista (visitabile); i puntelli alle taberne o la barriera, a terra, al tempio della Fortuna Augusta. E ancora, baracche e immondizia, abbandonate in vecchi e nuovi cantieri; erbacce che insidiano, come le crepe, gran parte degli edifici di via Nolana -la zona più antica di Pompei, dove c’è anche la famosa Casa del Fauno. Muri pendenti, affreschi quasi scoloriti. Case già chiuse, perché “pericolanti” e ”nuove transenne”, messe nei giorni scorsi su un lungo tratto di via dell’Abbondanza, a delimitare gli edifici vicini alla Schola Armaturarum.

Dopo il crollo della Casa dei Gladiatori, mentre si discute di una legge speciale per Pompei, Radio24 ritorna nell’antica Urbe sotto al Vesuvio: un nuovo viaggio in compagnia degli archeologi, che indicano i vari edifici pericolanti; i custodi, l’ex sovrintendente, autore dell’ultimo monitoraggio dei rischi, i sindacalisti degli scavi che denunciano “il problema sicurezza anche per i dipendenti. Due ore prima del crollo della Schola, due guardiani erano entrati all’interno dell’edificio, per timbrare il giro di ronda”. In un nuovo reportage-in onda domani alle 13.30 nella rubrica “Italia in Controluce”- Raffaella Calandra sfoglia anche il registro delle segnalazioni dei custodi degli scavi, la denuncia fatta alla magistratura per i lavori al Teatro Grande e le foto degli affreschi della Domus dei Gladiatori, contenute tra il materiale consegnato alla Commissione Culturale della Camera. Dopo Pompei, il reportage racconta lo stato di salute anche dell’altra città romana sepolta dalla lava del vulcano, Ercolano.

Foto e documenti sul blog di Raffaella Calandra sul sito di Radio24.

Wikio

Condividi questo post